Primo partito la Spd con il 25,7% dei voti, l’Unione Cdu-Csu il 24,1%, i Verdi sono al 14,8%, il partito liberale Fdp l’11,5%.

Le elezioni tedesche aprono nuovi accordi in Europa. E non è una sorpresa l’esito delle votazioni, che sono intercorse ieri in Germania. E benché meno il non sapere chi sarebbe stato il nuovo cancelliere. I verdi con i suoi leader Annalena Baerbock e Robert Habeck nonostante il 14,8% dei voti non hanno ottenuto cosa volevano, ma saranno comunque interlocutori essenziali nei negoziati per la nuova coalizione. I loro deputati nel Bundestag, sede del Parlamento tedesco, aumenteranno da 67 a 110. Si è rivelato vincente quel radicalismo realistico di Habeck e la diversificaziome dei temi oltre quelli ambientali. Il candidato conservatore CDU-CSU Armin Laschet, ha dichiarato dopo le prime stime sui socialdemocratici SPD in vantaggio del 26%, davanti ai conservatori al 24%. Che anche i partiti secondari possono cercare di creare una coalizione. Olaf Scholz candidato dei socialdemocratici, dichiarava che un gran numero di elettori avrebbe votato per la SPD, per il cambio di governo. Sottolineando che la gente, vuole lui come prossimo cancelliere. E a quanto pare così è stato …i numeri parlano chiaro con il Spd al 25,7%. Cdu e Csu parleranno dall’opposizione. Perché gli elettori hanno espresso la loro volontà in modo molto chiaro. Dando voce ad un rafforzato Spd, con appoggio di Verdi e Liberali. Che a quanto pare creeranno la nuova coalizione di governo.