Di Al. Tallarita

Si parla di multilateralismo che cosa s’intende? Partiamo dalle parole e facciamoci aiutare dalla Treccani ‘multilateralismo è quell’insieme di azioni o comportamenti coordinati di Stati o altri soggetti di relazioni internazionali che coinvolgono almeno tre interlocutori. E consiste nell’orientamento ad assumere politiche comuni e coordinate. Accordi multilaterali precisano le modalità per l’attuazione di azioni comuni, mediante la creazione di codici di comportamento, regole, norme e istituzioni cui vengono attribuiti poteri gestionali e decisionali al fine di concretizzare gli accordi.(..) nel settore del commercio. Essi tendono ad ampliare le possibilità di libero scambio di beni e servizi, rimuovendo ogni ostacolo alla loro circolazione. (..) I sostenitori del ne sottolineano il benefico effetto che induce, favorendo la specializzazione della produzione e i vantaggi in termini di efficienza allocativa che ne derivano.Ovviamente gli oppositori al multilateralismo sono i no global, perché gli attribuiscono la distruzione degli equilibri economico-sociali, caratteristici delle culture minoritarie e delle economie meno sviluppate’.

Non si può guardare al momento storico presente economico internazionale senza pensare al multilateralismo. Ecco perché Draghi ha ragione, ecco perché questo messaggio è stato mandato all’ONU. Per affrontare tutte quelle sfide globali che si presentano davanti a ciascuno di noi e a ciascuno degli Stati che abitiamo, che dovranno affrontare l’evoluzione dei tempi, le conseguenze di quanto fatto, il corso della storia, che segna cambiamenti irreversibili. All’Assemblea generale il Presidente Draghi, chiede il rilancio del multilateralismo in politica estera. Al fine di tutelare i diritti fondamentali della persona. Cercando una via per superare le drammatiche differenze, che si riscontrano anche nella distribuzione dei vaccini nel mondo. Delle popolazioni dei Paesi ad alto reddito, oltre il 65% della popolazione ha ricevuto quasi una dose. Mentre in quelli poveri il 2%. Draghi vede tali disparità come “moralmente inaccettabili: meno vaccinazioni equivalgono a più morti”.Emergenza dentro l’emergenza del clima e dell’alimentazione. Date le estremizzazioni delle condizioni meteorologiche. Abbiamo assistito all’interruzione degli approvvigionamenti, la cui conseguenza è l’aumento dei prezzi.”.. rilanciare il multilateralismo, e renderlo efficace per affrontare le sfide del nostro tempo”. Sostiene il Presidente. Quel multilateralismo, che ha garantito la pace, la sicurezza e la prosperità dal Dopoguerra. E questi ultimi mesi hanno rimesso sul tavolo, gravi problemi, che vanno risolti comunitariamente. E il Presidente del Consiglio Italiano, si riferisce alla pandemia e al rischio delle varianti del virus. Al cambiamento climatico, alla biodiversità. Alla ripresa economica e alla ripresa di quelle necessarie misure, atte a superare le diseguaglianze e l’insicurezza alimentare. Gli eventi meteorologici estremi sono destinati a intensificarsi. I cambiamenti climatici causano oggi 150.000 morti all’anno. Pensare insieme, è il messaggio di Draghi, per la risoluzione dei conflitti, il contrasto al terrorismo. Tutte tematiche al centro dell’assemblea generale e dell’agenda primaria del governo italiano, sul tavolo del G20: ‘People, Planet and Prosperity‘.Dobbiamo agire e tutelare il pianeta. Salvaguardare i diritti umani fondamentali, partendo da quelli delle donne afghane. Tuona Draghi. E sulla Libia aggiunge “sosteniamo sul piano multilaterale, bilaterale e all’interno dell’Unione Europea, il processo di transizione in Libia per una soluzione sostenibile e inclusiva della crisi, a completamento del percorso tracciato dai libici per rinnovare il quadro istituzionale nazionale sotto l’egida dell’Onu. .. Dobbiamo garantire lo svolgimento delle elezioni previste del 24 dicembre e l’attuazione del cessate il fuoco”. Il Consiglio di Sicurezza deve tutelare la pace e la sicurezza internazionale. Gli Stati Uniti con la voce di Jake Sullivan confermano l’impegno di Biden con l’Unione europea. Così come gli incontri di Sullivan con Ursula la Von der Leyen, presidente della Commissione europea, Seibert, Bernard e Michel, presidente del Consiglio europeo.