9 settembre 2014

Di Craig Roberts

La Russia ha perso l’Ucraina a causa della sua debolezza quando l’Unione Sovietica è crollata e Washington ha costretto la Russia a consentire un’Ucraina indipendente, che è servita allo scopo di Washington di smantellare la Federazione Russa.

Gli ucraini occidentali, che combatterono per Hitler durante la seconda guerra mondiale, mantennero un’impressionante organizzazione di lobby a Washington e si assicurarono l’indipendenza del loro paese, ma non controllavano l’Ucraina perché gran parte del paese è costituito da ex territori russi fatti parte dell’Ucraina dai leader sovietici in il 20° secolo.

Come è stato a Roma, le dinastie sono ora le fonti della leadership presidenziale degli Stati Uniti. E come è stato a Roma, gli Stati Uniti sono sulla via della distruzione, che si verifica quando le ambizioni dei leader hanno la precedenza sul destino del Paese.

Tenere l’Ucraina fuori dalla NATO è senza dubbio un obiettivo del governo russo. Tuttavia, i problemi che Washington ha portato alla Russia in Ucraina, orchestrando un colpo di stato, installando un governo fantoccio e scatenando violenze contro i residenti degli ex territori russi che i leader sovietici hanno annesso all’Ucraina, vengono utilizzati per scopi più ampi che incorporare l’Ucraina all’interno della NATO.

In altre parole, gli obiettivi strategici di Washington vanno oltre l’adesione alla NATO per l’Ucraina.

Cosa c’è dietro la NATO

Un obiettivo è spezzare le relazioni economiche e politiche tra Europa e Russia. Usando l’Ucraina per demonizzare la Russia,Washington ha spinto l’Unione Europea a imporre sanzioni alla Russia che interrompono le relazioni commerciali e creano sfiducia.

Un altro obiettivo di Washington è costruire forze militari ai confini della Russia. La NATO ha usato la “crisi” per alimentare la paura della Russia nei Paesi baltici e in Polonia. I generali di Washington e della NATO parlano degli attacchi russi come se fosse una conclusione scontata che la Russia intende invadere l’Europa orientale. Per proteggersi dalla “minaccia russa”, la NATO ha creato una “forza di reazione rapida” e sta costruendo forniture di equipaggiamento militare e nuove basi ai confini della Russia.

Qualunque sia il risultato in Ucraina, Washington ha usato l’Ucraina per iniziare una nuova Guerra Fredda.La stampa occidentale, una raccolta di propagandisti del governo, ha travisato la situazione in Ucraina sin dall’inizio. Al posto della copertura giornalistica, c’è stata propaganda contro la Russia. Di conseguenza, i popoli occidentali che fanno affidamento sui media sono male informati sull’Ucraina e danno tutta la colpa alla Russia.

I media

Washington non ha alcun interesse a risolvere i problemi in Ucraina. Washington ha usato con successo l’Ucraina per creare paura della Russia sia in Europa che negli Stati Uniti. Washington ha utilizzato con successo l’Ucraina per danneggiare le relazioni economiche e politiche tra Europa e Russia, e Washington è riuscita a dare inizio a una nuova Guerra Fredda che farà fluire i profitti nel complesso militare di sicurezza degli Stati Uniti.

Poiché il governo di Kiev è il burattino di Washington, non c’è motivo di aspettarsi una risoluzione del conflitto che Washington ha portato in Ucraina e in Russia.

Non è solo Washington a rifiutare una soluzione delle difficoltà ucraine create da Washington, ma anche l’UE. Il burattino di Washington, Herman Van Rompuy, presidente del gruppo di facciata di Washington – il Consiglio europeo – ha annunciato, se le notizie sono corrette, cosa che raramente lo sono, che l’Unione Europea sta imponendo sanzioni anche alle compagnie energetiche russe Rosneft, Gazpromneft e Transneft come società statali con un fatturato di oltre $ 27 miliardi

Alcuni commentatori occidentali interpretano il cessate il fuoco in Ucraina ottenuto dal presidente Putin come una vittoria per la Russia. Il ragionamento è che il cessate il fuoco lascia l’Ucraina con confini contesi, il che esclude l’adesione dell’Ucraina alla NATO.

Ma reggerà il cessate il fuoco?

Le milizie di destra di Kiev, i cui membri spesso indossano insegne naziste, non sono sotto il completo controllo di Kiev. Queste milizie possono facilmente violare il cessate il fuoco e ci sono già segnalazioni di violazioni. Inoltre, l’oligarca miliardario che Washington ha insediato a Kiev come presidente dell’Ucraina violerà il cessate il fuoco su ordine di Washington, a meno che, ovviamente, Putin non abbia messo in lui il timore di Dio.

Per uno stratega militare la risposta russa ai problemi che Washington ha causato alla Russia in Ucraina, una parte della Russia più lunga di quanto siano esistiti gli Stati Uniti, è un mistero. La Russia ha perso l’Ucraina a causa della sua debolezza quando l’Unione Sovietica è crollata e Washington ha costretto la Russia a consentire un’Ucraina indipendente, che è servita allo scopo di Washington di smantellare la Federazione Russa.Gli ucraini occidentali, che combatterono per Hitler durante la seconda guerra mondiale, mantennero un’impressionante organizzazione di lobby a Washington e si assicurarono l’indipendenza del loro paese, ma non controllavano l’Ucraina perché gran parte del paese è costituito da ex territori russi fatti parte dell’Ucraina dai leader sovietici in il 20° secolo.

I legami di sangue derivanti da matrimoni misti nel corso dei secoli e le interrelazioni economiche legate tra Russia e Ucraina raggiunte nel corso dei secoli hanno essenzialmente lasciato l’Ucraina come parte della Russia, dove risiede da secoli.Ciò ha frustrato i Neoconservatori dell’Impero Mondiale, che hanno controllato il governo degli Stati Uniti dai tempi dei corrotti Clinton, il cui regime ha portato la corruzione del Terzo Mondo nella vita politica americana. Ricorda Robert Reich, amico universitario di Clinton e Segretario del Lavoro che si è dimesso dal governo di Clinton per principio. Clinton ha tradito il collegio elettorale che lo ha eletto, così come Obama.

La due volte moglie di Clinton,(..) è attualmente la favorita dei Democratici per il loro prossimo candidato presidenziale.

Come è stato a Roma, le dinastie sono ora le fonti della leadership presidenziale degli Stati Uniti. E come è stato a Roma, gli Stati Uniti sono sulla via della distruzione, che si verifica quando le ambizioni dei leader hanno la precedenza sul destino del Paese.

Tenere l’Ucraina fuori dalla NATO è senza dubbio un obiettivo del governo russo. Tuttavia, i problemi che Washington ha portato alla Russia in Ucraina, orchestrando un colpo di stato, installando un governo fantoccio e scatenando violenze contro i residenti degli ex territori russi che i leader sovietici hanno annesso all’Ucraina, vengono utilizzati per scopi più ampi che incorporare l’Ucraina all’interno della NATO.

In altre parole, gli obiettivi strategici di Washington vanno oltre l’adesione alla NATO per l’Ucraina. Un obiettivo è spezzare le relazioni economiche e politiche tra Europa e Russia. Usando l’Ucraina per demonizzare la Russia, Washington ha spinto l’Unione Europea a imporre sanzioni alla Russia che interrompono le relazioni commerciali e creano sfiducia. La sfiducia serve allo scopo di Washington.

Washington ha dimostrato alla Russia che i politici europei comprati e pagati da Washington non sono disposti ad avere politiche estere indipendenti da quella di Washington. La mancanza di una politica indipendente in Europa significa che il governo russo è ostacolato nel suo uso della diplomazia.

Un altro obiettivo di Washington è costruire forze militari ai confini della Russia. La NATO ha usato la “crisi” per alimentare la paura della Russia nei Paesi baltici e in Polonia. I generali di Washington e della NATO parlano degli attacchi russi come se fosse una conclusione scontata che la Russia intende invadere l’Europa orientale. Per proteggersi dalla “minaccia russa”, la NATO ha creato una “forza di reazione rapida” e sta costruendo forniture di equipaggiamento militare e nuove basi ai confini della Russia. Qualunque sia il risultato in Ucraina, Washington ha usato l’Ucraina per iniziare una nuova Guerra Fredda.

La stampa occidentale, una raccolta di propagandisti del governo, ha travisato la situazione in Ucraina sin dall’inizio. Al posto della copertura giornalistica, c’è stata propaganda contro la Russia.

Di conseguenza, i popoli occidentali che fanno affidamento sui media sono male informati.

Paul Craig Roberts Dott. Paul Craig Roberts politico e analista statunitense. Ha lavorato per il segretario del Tesoro per la politica economica, editore associato del Wall Street Journal, editorialista di Business Week, Scripps Howard News Service e Creators Syndicate. È autore dei libri The Failure of Laissez Faire Capitalism and Economic Dissolution of the West e How America Was Lost.Institute for Political Economy, IPE. website https://www.paulcraigroberts.org/

error: Content is protected !!